fbpx
quarantena-tecnologia-e-natura-recovery-energy

Quarantena, tecnologia e natura

Quarantena, tecnologia e natura

Indice

Tre parole che sembrano avere poca connessione se utilizzate nella stessa frase.

Eppure, soprattutto in un periodo di coprifuoco per emergenza sanitaria, la tecnologia è uno strumento che si sta rivelando molto utile per garantirci il contatto sociale con colleghi e amici, per fare formazione, per meeting e webinar di ogni genere.
Non tutti sanno, però, che lo stesso strumento può essere utilizzato per garantirci quella che i carcerati chiamerebbero l’”ora d’aria”.
No, non stiamo parlando della passeggiata entro il raggio di 300 metri per andare a fare la spesa, attualmente uno degli sport estremi più a rischio contagio.
Stiamo parlando di come alcune evoluzione dei classici video possono aiutarci a mantenere un contatto, anche solo ideale, con l’ambiente naturale.

Progettiamo l’evasione

In questo caso, l’evasione non solo è lecita, ma anche utile.
Sempre più ricerche scientifiche concordano che il solo guardare un ambiente naturale (ad esempio fuori dalla finestra) o passeggiare in un ambiente con molte aree verdi — o, ancora meglio, in un parco — apporta notevoli benefici alla nostra salute mentale e fisica.
Fino a nuovo ordine, però, nessuno può spostarsi se non per comprovate necessità.
Che fare allora?
Ricordiamoci che l’uomo — per sua fortuna (o forse no?) — è dotato di una caratteristica unica nel mondo animale: l’immaginazione.
Quindi basta chiudere gli occhi e viaggiare?
In realtà, basterebbe anche questo, ma si può fare di meglio con un piccolo aiuto della tecnologia.
Vediamo come.

Scegli tu dove guardare

Sul web è possibile trovare una serie di “video 360°” che ci mostrano luoghi fantastici e ci permettono di scegliere l’inquadratura e la prospettiva.

A una prima occhiata possono sembrare semplici video, ma basta impugnare il mouse e provare a spostare il video per simulare l’atto di guardarci intorno. Questo semplice effetto, magari con il video a schermo intero e una buona musica di sottofondo, crea immediatamente una sensazione di immersività che risulta essere molto più coinvolgente di un bel video.
Provare per credere.
Cliccate sul video qui sotto con le cuffie alle orecchie, mettete la massima risoluzione ed esplorate una lunga sequenza di pos

Visual, musica e meditazione

con la realtà aumentata, è possibile sfruttare ambienti naturali in maniera guidata per favorire il rilassamento.

Ora immaginate di avere un visore da indossare, magari anche un bastoncino di incenso o fragranze aromatiche particolari e in breve potete letteralmente immergervi in una esperienza incredibile ed energizzante.
Questo è quello che propone, ad esempio, la società Relaxity.

Infinite possibilità

nostra immaginazione dove l’unico limite è la nostra creatività.
Qualche esempio?
Date un’occhiata a questi esperimenti di video 360° (ma immaginate l’impatto che avrebbero con un visore di realtà virtuale) e perdetevi nei meandri di mondi impossibili e affascinanti. Nel primo caso, invece di ricreare un ambiente “naturale”, è la stessa arte che diventa “natura”. Qui, colori, prospettive, suoni e visual lavorano su due livelli. Da un lato ci permettono di sperimentare l’arte e il mondo mentale di alcuni artisti famosi attraverso un viaggio tridimensionale; dall’altro, ci propone un ambiente “pseudo-naturale” che può stimolare emozioni e stati d’animo attraverso un’attenta progettazione degli elementi in gioco.

In questo secondo video, invece, anch’esso fruibile in VR, il nostro orizzonte naturale non è più relegato al nostro pianeta, ma si allarga all’intero spazio. La proposta di un viaggio astrale ai confini dell’universo, ci mostra l’immensità dell’ambiente nel quale viviamo e rimette un bel po’ le cose in prospettiva.

Il virtuale è reale?

questa domanda è sì.
Come mai?
i invito a vedere questo trailer di quelli che sono gli attuali esperimenti che permettono di esplorare l’interazione tra pensiero, virtuale e reale. Nel video qui di seguito si illustra come i nostri pensieri possono modificare l’ambiente che vediamo.
Non è fantastico?

Ora non vi resta che prepararvi e partire per un incredibile viaggio.
Siamo sicuri che con soli 10 minuti al giorno contribuiranno a farvi recuperare le energie, in attesa di poterlo fare di persona in altri luoghi bellissimi.

La condivisione è esperienza ed emozione!

Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Escursionismo, Trekking & Orienteering
Recovery Energy

Benvenuto autunno, siamo pronti ad accoglierti con il Missioning® e l’Open Canyoneer

Bene, è il periodo in cui si torna a scuole, in cui tutto riparte da capo dopo le più o meno prolungate pause estive – per chi le ha avute. Ma d’altronde una community è anche questo: situazioni variegate e molteplicità di persone. Vero è che anche noi, dal canto nostro, puntiamo a ripartire, anzi a risalire: dalle gole e dalle forre abbiamo deciso di fare un salto direttamente su, in montagna. Monti Simbruini per la precisione. Escursionismo misto a orienteering per l’esattezza. Sia chiaro: il canyoning non è finito, ci stiamo riorganizzando. Intanto il Corso Base è lì, pronto ad attendervi per ottobre.

Leggi Tutto »
Canyoning Torrentismo
Recovery Energy

Ultima settimana di canyoning all’Aniene: siamo pronti per il Corso Base di Canyoning e Jumanji

Le emozioni donate dalle esperienze outdoor non hanno eguali: sì, non ci stancheremo mai di dirlo, scriverlo, viverlo. Ma è quanto di più forte vediamo ogni volta sui volti dei partecipanti alle attività: una community di persone speciali, amanti dell’avventura e della natura, sportivi per passione o per dedizione, ma sempre e comunque splendide persone.

Leggi Tutto »
0
    0
    Carrello
    Il Carrello è vuoto